La magia

Che cos'è la magia

Il termine "magia" indica la facoltà di manipolare e gestire energie a determinati livelli con l'obiettivo di alterare il normale evolversi degli eventi, veicolati da leggi differenti da quelle fisiche note. L'etimologia del vocabolo risale all'antica Grecia e trae origine dai "magi", ovvero i sacerdoti Zoroastriani della Persia.

Evocazione di entità benefiche o demoniache

Di norma, si allude comunemente alla magia quando si intende riferirsi a tutto ciò che non è scientificamente dimostrabile o a quei fenomeni che non trovano adeguata spiegazione empirica. La magia, infatti, non è una scienza (semmai ne è l'esatto opposto), bensì una disciplina basata su un insieme di nozioni e pratiche descritte poco sotto.

La magia non è mai neutra

Uno degli errori più ricorrenti consiste nel ritenere la magia "neutra", ovvero con potenzialità benefiche o distruttive a seconda dello scopo con cui la MEDESIMA entità verrebbe evocata. Detta concezione è totalmente errata in quanto esistono entità angeliche ed entità demoniache ben distinte, ognuna di esse agisce con fini precisi e totalmente opposti. Da qui nasce la distinzione tra magia bianca e magia nera, oltre alle quali si è soliti riferirsi alla magia rossa (annoverabile comunque nella magia POSITIVA) per indicare questioni di natura prettamente sentimentale.

Il mago non può praticare nessun rituale magico

E' opportuno ricordare che colui che pratica magia NON è un mago. La magia, di fatto, è la capacità di influenzare (nei limiti del possibile) i fenomeni fisici mediante facoltà extra-sensoriali innate, fattore di cui un mago NON può disporre in quanto il dono MEDIANICO di interagire con entità di sommo livello si acquisisce dalla nascita e non a seguito di presunti studi su non meglio precisati libri. Colui che si definisce mago, d'altro canto, può soltanto ricorrere a formule o pratiche che non gli consentono di stabilire alcun tipo di contatto diretto con l'entità in quel momento evocata (prerogativa del Medium) e, quindi, risulta impossibilitato a compiere concretamente qualsiasi tipo di canalizzazione energetica. L'essenza dei rituali magici, ovvero la MAGIA, consiste esattamente nell'invio di energie a determinati livelli con obiettivi ben precisi, ne consegue che il Medium è l'unica figura in grado di operare in tal senso per i motivi esposti qui. Colui che si autodefinisce mago, al contrario, altro non fa che conferirsi singolari poteri occulti che chiaramente NON ha e che non gli permettono, quindi, di esercitare alcun ruolo in ambito ritualistico.

Significato di magia

Tecniche di magia da contatto Tecniche di magia basate su incantesimi

Tecniche magiche

A titolo puramente informativo, Athos ricorda le principali categorie in cui le tecniche magiche più diffuse (alcune delle quali del tutto inesistenti) vengono solitamente inglobate:

MAGIA SIMPATICA:  tecnica magica che prevede l'impiego di oggetti o immagini per rappresentare a livello simbolico il soggetto sul quale si vuole operare a livello benefico o distruttivo

MAGIA DA CONTATTO:  tecnica magica che prevede la preparazione di filtri o pozioni particolari con ingredienti naturali (nonchè spesso sconosciuti) e di amuleti o talismani da tenere sempre con sè

INCANTESIMO:  tecnica magica basata sulla parola e sulla recitazione di formule magiche

DIVINAZIONE:  tecnica magica largamente impiegata per ottenere informazioni ed effettuare previsioni ricorrendo all'utilizzo di svariate arti mantiche (quali la CARTOMANZIA e l'ASTROLOGIA) oppure alle facoltà innate dell'operatore (quali la PREVEGGENZA e, appunto, la MEDIANITA')

Tecniche di magia simpatica

Un'ulteriore differenza riguarda, inoltre, le pratiche che prevedono l'azione di entità soprannaturali: nel caso di entità preposte a danneggiare si è soliti riferirsi alla DEMONOLOGIA o NEGROMANZIA, allorchè l'evocazione di entità benefiche reca l'appellativo di TEURGIA.

Tecniche di divinazione