Magia popolare

Preghiere scongiuri e formule

I riti di magia popolare, primariamente composti da preghiere, formule e scongiuri, costituiscono una falsa branca dell'esoterismo che, in realtà, nulla ha da spartire con la dottrina magica autentica e che si basa su antiche superstizioni e credenze, tramandate nel corso dei secoli e tuttora praticate nei contesti più disparati.

Mandragora e incantesimi d'amore

Magia popolare e stregoneria sono in stretta correlazione e prevedono rituali magici e sortilegi di qualsiasi natura, eseguiti in prevalenza nell'ambito sentimentale o in quello relativo alle negatività. E' opportuno ricordare che le reali pratiche esoteriche non sono paragonabili in alcun modo alle inutili e sterili procedure derivanti, in buona parte dei casi, da manifesta ignoranza ed usanze locali ormai radicate. I cosiddetti rituali "fai da te", sovente tramandati di generazione in generazione, possiedono indubbio fascino estetico e niente più, mancando del principio cardine che conferisca loro un'efficacia esoterica ben precisa: la manipolazione energetica eseguita in ambito medianico tramite interazione con entità di altissimo livello.

Rituali d'amore di antica tradizione, sortilegi potenti con erbe e filtri

Totalmente infruttuosi, pertanto, sono i legamenti d'amore o altra tipologia di incantesimi effettuati con la mandragora, la cui forma fallica non è, ovviamente, condizione essenziale o sufficiente per riavvicinare la persona amata o consolidare un rapporto. Non si dimentichi, inoltre, che la magia popolare è connessa all'utilizzo di erbe per la preparazione di filtri o intrugli di altro tipo, unitamente alla recitazione di formule (spesso dialettali) di provenienza sconosciuta che rappresentano l'apice della superstizione e di quanto ad essa correlato.

Magia e superstizione

Rituali di stregoneria popolare Incantesimi e superstizione

Erbe e incantesimi

Al pari dei rituali compiuti nella sfera amorosa, risultano essere del tutto inadeguati anche i sortilegi per eliminare negatività quali fatture e malocchio. Vale la pena menzionare, a titolo di cronaca, il celebre rimedio per togliere il malocchio mediante acqua e olio contenuti in un piatto: appartenente alla magia popolare siciliana, tale usanza è largamente diffusa nelle popolazioni di origine meridionale e rappresenta un caposaldo nei riti di stregoneria casalinga. Una qualsiasi forma di negatività richiede SEMPRE un adeguato intervento medianico, in grado di eliminare ogni traccia di magia nera presente in un soggetto, nonchè di proteggere quest'ultimo a titolo definitivo e permanente. Se davvero i sortilegi basati su scongiuri e preghiere recassero una qualsivoglia efficacia in ambito magico, l'esoterismo diventerebbe disciplina alla portata di chiunque ed incompatibile con il significato stesso di "esoterico", ovvero "segreto", "incomprensibile".

Scongiuri per il malocchio

Non si confonda, dunque, la superstizione legata alla magia popolare con la solennità di una ritualistica eseguita secondo tutti i crismi previsti: è doveroso preservare le antiche tradizioni che caratterizzano una specifica area geografica, senza per questo distogliere l'attenzione dalle vere pratiche magiche che richiedono facoltà, conoscenze e competenze ben lontane da un'orazione dialettale o un comune gesto scaramantico.

Preghiere per tenere lontano il maligno