Magia nera africana

I riti di magia nera africana rappresentano una temuta pratica esoterica per incutere timore o cagionare danno alla vittima designata. Tale convinzione, tuttavia, è priva di fondamento alcuno e deriva direttamente dall’ignoranza ed arretratezza culturale che caratterizzano una larga fascia del continente nero.

I più celebri rituali, incantesimi e fatture di magia nera africana consistono nei cosiddetti riti Voodoo (altrimenti definiti Vudù o Vodun) eseguiti dai Bokor, ovvero gli stregoni malvagi. Il fanatismo che fa da sfondo a tali pratiche induce detti stregoni a cadere in una sorta di trance, durante la quale ritengono di essere posseduti dagli spiriti (denominati “Loa”) evocati allo scopo. La danza tribale che accompagna la cerimonia religiosa, in realtà, è fonte di isteria e suggestione collettiva e, al di fuori di un indubbio carattere folkloristico, non presenta alcun tratto distintivo che ne possa decretare l’appartenenza alla vera disciplina esoterica.

Il terrore di essere vittima di rituali di magia nera africana, pertanto, è infondato ed è opportuno ribadire che incantesimi, fatture e riti Voodoo NON funzionano e non possono cagionare danni di nessun tipo. La totale inutilità di tali pratiche, nello specifico, è sottolineata dal fatto che le entità evocate appartengono al mondo animale, vegetale e minerale: nella cultura Voodoo, dunque, anche una semplice roccia può essere considerata l’espressione di uno spirito superiore. Sorge spontaneo sorridere a teorie tanto fantasiose, quanto radicate in alcune aree geografiche dell’Africa (Togo, Benin e Nigeria in primis), dove la sottomissione mentale è tuttora ampiamente diffusa.

Le minacce legate alla magia nera africana, tuttavia, interessano anche soggetti africani emigrati in Europa ed altri continenti, laddove vengano sottoposti a ricatti di natura economica o sessuale mediante pressioni psicologiche e promesse di fatture a morte ai famigliari, in caso di mancata esecuzione degli ordini impartiti. Inutile ribadire che, considerata la bassa levatura culturale di tali soggetti, ha davvero gioco facile colui che strumentalizza la notorietà della magia africana per raggiungere i propri biechi scopi e, nonostante i mezzi d’informazione odierni siano ormai alla portata di chiunque, è convinzione di chi scrive ritenere che tali vessazioni non accenneranno comunque a diminuire nel prossimo futuro.

CONTATTA ORA ATHOS
(tel. +39 02 45075380)

Trattamento dei dati personali in conformità al REG. UE 2016/679. Privacy | Termini e Condizioni

Accetto