Operatori esoterici e collaborazioni esterne: rischio truffa

Una truffa, nel senso lato del termine, assume connotati dalle infinite sfaccettature e in ambito esoterico si identifica, spesso, con l’introduzione di una figura della quale è opportuno diffidare a priori: il collaboratore esoterico.

Il trucco è piuttosto semplice e consiste nel carpire all’assistito quanto più possibile a livello economico, quindi dichiararsi non più in grado di risolvere il problema posto all’attenzione e dirottare la persona verso presunti collaboratori, non di rado identificati in soggetti residenti all’estero, con il pretesto di tentare strade alternative appartenenti a percorsi magici differenti.

In alcuni casi l’operatore di turno indirizza verso un nominativo specifico, a suo dire conosciuto in ipotetici viaggi culturali o di approfondimento della dottrina magica, elogiandone le competenze e la grande professionalità: l’analisi che ne consegue da parte di quest’ultimo sarà indubbiamente perfetta, dato che avrà già ricevuto ogni informazione sul caso in questione. In altri contesti, l’operatore suggerisce invece all’assistito una determinata branca della magia (cubana, sudamericana, africana, orientale e via dicendo), esortandolo a cercare nella rete Internet un ritualista che possa fare al caso suo.

Ciò che l’assistito non comprende nell’immediato è che il presunto collaboratore è un complice dell’esoterista stesso, oppure è un soggetto del tutto INESISTENTE, dietro il cui nome si nasconde l’operatore che lo ha raccomandato. Nei casi più subdoli, inoltre, il lestofante in questione provvede preventivamente a creare un sito di magia o un blog inerente una determinata tipologia di pratiche, ben sapendo che l’assistito, all’atto di una semplice ricerca secondo criteri ben precisi, si imbatterebbe certamente nel sito creato allo scopo.

Sono sempre più frequenti le segnalazioni di utenti consigliati ad arte da operatori fasulli e da amministratori di forum “esoterici”, i quali consigliano il ricorso a pratiche magiche originarie di altri continenti. La caratteristica che accomuna buona parte di tali raccomandazioni è che il “nuovo” operatore (in realtà immaginario, trattandosi sempre della stessa persona che si presenta con altra identità) risponde solo via email, afferma di risiedere all’estero e difficilmente accetta pagamenti intestati a suo nome, preferendo fornire il nome di un collaboratore o una segretaria per ragioni di “privacy”. Evidenti, a questo proposito, l’impossibilità di fornire le vere generalità, nonchè la necessità di salvaguardare una doppia identità facente capo al medesimo soggetto.

Diffidate di chiunque vi consigli nominativi specifici o pratiche di altri continenti da eseguirsi in terra straniera ad opera di perfetti sconosciuti, andrete quasi sicuramente incontro ad una truffa che contribuirà ad arricchire l’operatore che vi ha seguito fino a quel momento e che, fatti alla mano, non meritava tanta fiducia da parte vostra.

CONTATTA ORA ATHOS
(tel. +39 02 45075380)

Trattamento dei dati personali in conformità al REG. UE 2016/679. Privacy | Termini e Condizioni

Accetto