Rituali di magia salomonica: perchè evitarli

Che cos’è la magia salomonica ed in cosa consiste ? Contrariamente a ciò che alcuni presunti esperti di esoterismo affermano, i rituali di magia salomonica comportano effetti negativi particolarmente dannosi (tanto su richiedente quanto su destinatario di una specifica ritualistica) che, lo si consideri con estrema attenzione, possono produrre contesti di negatività non più reversibili. E’ lecito affermare, a beneficio di chiunque intenda affidarsi a pratiche magiche positive, che la magia salomonica non funziona, essendo l’eventuale esito associato ad uno scotto da pagare così alto.

In virtù di quanto appena asserito, si invita ad evitare qualsiasi operatore che affermi di praticare il rituale salomonico di Venere per far tornare la persona amata o legamenti d’amore salomonici di diverso tipo, al pari di altri riti planetari quali il rituale salomonico di Giove, di Marte, di Mercurio, di Saturno e della Luna. Come già specificato al punto n.6 della pagina sui consigli per evitare le truffe, la magia salomonica è tutt’altro che magia positiva, prevedendo evocazioni di entità demoniache e basando le proprie origini sulla Clavicula Salomonis, ovvero uno dei più temuti grimori di magia nera. I riti di magia salomonica, inoltre, NON derivano in alcun modo dalla Bibbia, nè da ipotetiche “rivelazioni” esoteriche che Dio avrebbe tramandato a qualche fortunato eletto: chiunque giustifichi il ricorso alla magia salomonica adducendo strani riferimenti a testi sacri e quant’altro, pertanto, intende nascondere la vera natura di tali procedure magiche e sviare l’assistito dai pericoli concreti che esse presentano.

Non si può non sorridere, inoltre, ad affermazioni secondo le quali il re Salomone avrebbe beneficiato di misteriose conoscenze esoteriche per comunicare direttamente con Dio ed ottenere facoltà soprannaturali, tali da renderlo invincibile e porlo al di sopra di tutto. Se la citazione divina mira a conferire un’aura di positività ed autorevolezza alla magia salomonica, è bene sottolineare che ciò che consentirebbe di porsi sullo stesso piano di Dio ed ottenere una sapenza universale NON è certo la comunicazione con l’Onnipotente, bensì l’adorazione di Satana e delle entità infernali a lui sottoposte. Non è mai esistito nessun testo magico che abbia consentito di parlare con Dio, nè quest’ultimo ha mai tramandato le nozioni esoteriche contenute nelle varie Clavicules Salomonis. La magia salomonica, è bene ribadirlo, non consente di stabilire alcun contatto con schiere angeliche e, al contrario, include unicamente evocazioni delle entità infernali più temibili: ne consegue che gli irriverenti rituali salomonici degli arcangeli Michael, Gabriel, Samael, Raphael, Zadkiel, Haniel e Cassiel costituiscono una palese contrapposizione all’essenza stessa della magia salomonica e, di conseguenza, risultano privi di qualsiasi efficacia.

I riti magici salomonici, dunque, devono essere strettamente evitati da tutti coloro che, nell’errata convinzione che la magia salomonica funzioni mediante azioni positive, si affidano anche a talismani, pentacoli, sigilli angelici o sigilli demoniaci che derivano da tale tradizione magica. Gli effetti della magia salomonica possono sfociare anche in possessioni demoniache di cui diviene arduo liberarsi, considerata la potenza delle entità demoniache che tali riti si prepongono di evocare. Si tenga presente, inoltre, che anche i cosiddetti legamenti d’amore di magia salomonica sono rituali tutt’altro che positivi, prevedendo un’azione coercitiva sulla persona da legare che nulla ha a che vedere con un sentimento genuino ed autentico che un VERO legamento d’amore mira a far nascere. I legamenti d’amore salomonici impongono un sentimento e non ne favoriscono una crescita naturale, plagiando il destinatario dell’intervento e sottomettendolo a comportamenti a lui estranei.

Si prendano le debite distanze, inoltre, da chi ritiene che tutte le dottrine magiche trarrebbero le proprie origini dalla magia salomonica: le pratiche magiche reali, che funzionano davvero e che un Medium autentico, qual è Athos, adotta regolarmente NON derivano da alcuna magia del re Salomone, nè da testi cabalistici di non meglio precisata provenienza. Magia salomonica equivale a magia nera, con tutto ciò che tale forma di magia implica a livello di ripercussioni energetiche.

Si invita, da ultimo, a diffidare degli pseudo-operatori che dichiarano di praticare magia salomonica avvalendosi anche di tecniche di canalizzazione che, al probabile scopo di figurare più credibili, preferiscono definire con il termine inglese “channeling”. La capacità di produrre canalizzazioni energetiche è prerogativa esclusiva di un Medium, essendo quest’ultimo l’unica figura in grado di stabilire un ponte tra realtà terrena e dimensione superiore: chiunque affermi di praticare channeling (associato o meno alla magia salomonica) e non è un Medium, pertanto, fornisce informazioni fuorvianti e non può essere considerato attendibile, asserendo l’esatto opposto di ciò che la logica stessa suggerisce. Esistono operatori disposti a tutto, pur di apparire validi professionisti ed integerrimi fautori della magia positiva; è compito del buon senso individuale, dunque, indurre a non riporre fiducia in chi abbina i termini “positivo” e “magia salomonica”, così come in chi sostiene di poter procedere ad impossibili canalizzazioni energetiche, non essendo in possesso di facoltà medianiche di alcun tipo.

CONTATTA ORA ATHOS
(tel. +39 02 45075380)

Trattamento dei dati personali in conformità al REG. UE 2016/679. Privacy | Termini e Condizioni

Accetto